Salva, sincronizza e condividi file con DropBox

Durante la convention di TechCrunch50 a San Francisco ,oltre a Swype, è stata presentata la versione beta di DropBox.

DropBox è un servizio che permette di salvare i propri file in una directory prescelta del proprio PC che verrà sincronizzata online, rendendo disponibile i documenti e le cartelle ovunque avessimo la necessità di accedervi.

Non a caso il motto di DropBox è: “Store, sync and share your files online“, ovvero “Salva, sincronizza e condividi i tuoi file online”, una breve frase che riassume l’essenza di questo applicativo web 2.0.

Il servizio è disponibile per Windows, Mac e Linux e dopo una semplice e veloce installazione avremo già la possibilità di condividere tutto quello che vogliamo con il mondo intero.

Dopo aver scelto la cartella da utilizzare per la sincronizzazione tutti gli elementi al suo interno verranno sincronizzati con il nostro account online in maniera sicura e protetta. Sul nostro PC potremo gestire tutto tramite questa cartella, ma naturalmente avremo a disposizione anche un’interfaccia web https (con cifratura SSL a 256 bit) per quando saremo fuori casa e dovremo accedere ai nostri documenti e file.

Dropbox è inoltre differente da tutti gli altri servizi di backup online: se prima eravamo abituati a dover specificare le cartelle di cui ci interessa effettuare il backup, ora l’unica cosa che dobbiamo fare è il drag & drop (seleziona e trascina) dei file o cartelle che vogliamo salvare all’interno di “My Dropbox”.

L’interfaccia web è semplicemente funzionale e piacevole e comprende la funzionalità di upload, creazione delle cartelle, visualizzazione e recupero dei file cancellati e possibilità di comprimere online una cartella per poterla scaricare comodamente in un archivio zip.

Lo spazio messa a disposizione è di 2GB, che effettivamente non è moltissimo considerando altri servizi online (non a pagamento) che ne danno di più.

E’ anche possibile condividere le cartelle con altri utenti (non necessariamente registrati al servizio), basta inserire la mail della persona e quest’ultima riceverà un link univoco per l’accesso alla cartella.

Infine una funzione che per alcuni potrà essere interessante è il supporto ai proxy.

DropBox è solo all’inizio e senz’altro nel corso del tempo continuerà a migliore e magari potrà diventare una valida  alternativa “free” al più famoso, ma purtroppo a pagamento, MobileMe.

E visto che una demo ben fatta vale più di mille parole, ecco qui sotto il video esplicativo del funzionamento di DropBox.

Share
Categorie: miscellanea

Lascia un commento





Somma di tre + sei ?