Creare CD d’installazione per Windows XP con SP2 o SP3

Si lo so, questa guida non sarà attualissima ne tanto meno una novità, ma siccome l’ultimo sistema operativo di casa Microsoft (n.d.r. Vista) è abbastanza una ciofeca, e siccome mi serviva un CD d’installazione di Windows XP con le ultime Service Pack, ecco qui una guida che ha fatto al caso mio.

Questa guida si pone il problema di mostrare come creare un CD di installazione per Windows Home e Professional Edition integrando la SP2 o SP3, senza ricorrere all’utilizzo di programmi come nLite.

Il motivo di creare un CD con integrata la SP2 o SP3 è senz’altro di ridurre il tempo d’installazione del sistema operativo provvedendo in un unico passaggio anche all’installazione degli aggiornamenti. Le persone che, come me, non hanno un disco con queste caratteristiche devono crearlo partendo da un CD di Windows XP base. Per tale scopo non è necessario scrivere il CD, si può anche utilizzare il “semilavorato” direttamente dal proprio hard disk, magari creandosi un’immagine ISO.

Ecco dunque cosa serve:

  1. Masterizzatore CD (solo per scrivere il CD, in alternativa il solo lettore CD).
  2. CD con Windows XP Home o Professional Edition.
  3. Service Pack 2 per professionisti del IT, scaricabile dal sito Microsoft, link diretto qui (essendo il sito Microsoft continuamente aggiornato il link potrebbe non essere più valido, in questo caso usate il motore di ricerca interno).
    Potrebbero esserci problemi nell’uso di lingue diverse tra SP2 e la versione di Windows XP in vostro possesso, ipotesi non verificate. Pertanto si consiglia di usare una versione di SP2 con la stessa lingua del Windows XP usato.
    Il programma richiesto è anche presente nel CD di Windows XP Service Pack 2 ordinabile gratuitamente dal sito di Microsoft (almeno io l’avevo ordinato da lì, ora non so se è ancora possibile farlo). Nel CD il programma risiede nella cartella principale del CD col nome di “XPSP2.EXE”.
  4. Service Pack 3, anch’esso scaricabile dal sito Microsoft da qui. Valgono le stesse raccomandazioni per il SP2.
  5. Un programma di masterizzazione, io illustrerò il procedimento con Nero, ma non è indispensabile.
  6. Un programma che permetta l’estrazione del Boot Loader dal CD di Windows XP di partenza (solo per scrivere il CD). Un software che svolge questo lavoro è IsoBuster, programma a pagamento. Per l’uso che bisogna fare, bastano le funzionalità gratuite della versione demo.
  7. Almeno 1GB di spazio libero su un’unica partizione per lavorare.
  8. Consiglio un sistema Windows XP. Anche se la procedura potrebbe funzionare anche con altre versioni del sistema operativo, ma non è mai stata provata la procedura.
  9. Conoscenze base della console di Windows, principalmente la scrittura di comandi e la selezione delle sottocartelle.

PASSO 1: Per prima cosa, è necessario copiare il contenuto del CD di Windows XP in una cartella. Per evitare confusioni si consiglia di utilizzare una cartella vuota creata appositamente, ed inoltre il percorso sia relativamente facile da scrivere dalla console (senza spazi e con poche sottocartelle).

PASSO 2: Aprire la console di Windows, tramite il collegamento (Start > Tutti i programmi > Accessori > Prompt dei Commandi) o scrivendo il commando cmd nella finestra Esegui.

PASSO 3: Ora lanciate, da linea di commando, il programma d’installazione della SP2 o SP3 (consiglio di recarsi nella sottocartella dove risiede l’applicazione per semplicità), e lanciatela con l’impostazione /s:<percorso Windows>. Esempio: WindowsXP-KB835935-SP2-ITA.exe /s:H:\\CDSP2

Questa stringa presuppone che H:\\CDSP2 sia la cartella dove è stato copiato il CD. Ricordo che per la versione su CD l’applicazione ha il nome “XPSP2.EXE”. Inoltre, nel caso di percorsi con spazi, è obbligatorio racchiuderli tra virgolette.

PASSO 4: Lanciare l’applicazione ed seguire le informazioni a video. Una volta concluso chiudete il prompt di MS-DOS. L’esito dell’operazione verrà segnalato con un messaggio a video, in caso di problemi provate a rieseguire l’intera operazione.

PASSO 5: Se la vostra intensione era avere un sistema d’installazione locale o per rete, l’operazione è conclusa. Chi volesse avere un CD che preveda l’installazione con boot da CD, come quello dei CD originali, proseguite.

PASSO 6: Con IsoBuster, selezionare il lettore contenente il CD originale di Windows XP. Tra le opzioni disponibili scegliere la cartella Bootable CD. Nella sezione accanto avrete due file, premete il tasto destro su quello con estensione “.img” e cliccate su l’opzione “Estrai” (o “Extract” per la localizzazione in inglese). Salvatelo in una cartella a scelta, sconsiglio la cartella in cui sono stati copiati i file di Windows perchè potrebbe procurare confusione.

PASSO 7: Ora è necessario masterizzare il nuovo CD (come prova si può prima usare un CD-RW). Io illustrerò il procedimento con Nero Burning ROM, ma funziona per tutti i programmi di masterizzazione che supportano la creazione di CD-ROOM con avvio da boot.
Nella creazione guidata selezionare l’opzione “CD-ROM (Avvio)” (“CD-ROM (BOOT)” in inglese). Se compare un avviso che non riesce a trovare un disco o altro, chiudete il messaggio.

PASSO 8: Nella finestra delle impostazioni scegliete “File immagine”, e con sfoglia aprite il file creato nel PASSO 6 (nella finestra cambiate “Tipo File” per peemettere la selezione di tutti tipi di file).
Selezionate l’emulazione avanzata per utenti esperti, e impostate alla voce “Tipo emulazione” l’opzione “No Emulazione”. Ora dobbiamo inserire due numeri “magici”: per la voce “Carica segmento del settore (hex)” inserite 07C0 e per “Numero di settori caricati” inserite 4. Il resto lasciate pure le impostazioni già presenti (per ulteriori dettagli consultate la guida di Nero).
Consiglio nella scheda “ISO” di scegliere come formato caratteri il modo “ISO Livello 1″, il sistema identificato come 8+3.

PASSO 9: Confermate le impostazioni utilizzando il pulsante “Nuovo”. Ora bisogna inserire tutti i file della cartella in cui abbiamo prima copiato il CD di Windows XP e poi utilizzato come integrazione nel programma d’aggiornamento di Windows SP2. Selezionare il contenuto della cartella, e non la cartella, utilizzando le funzioni di evidenziazione di Windows.
Ora premete sull’ettichetta del CD col mouse e poi usate il pulsante F2 per modificarla. Si consiglia di dare l’etichetta originale del CD di Windows XP per prevenire eventuali problemi, quelle solitamente usate sono:
WXPCCP_IT per la versione italiana di Windows XP Professional in versione Retail
WXHCCP_IT per la versione italiana di Windows XP Home in versione Retail
WXPOEM_IT per la versione italiana di Windows XP Professional in versione OEM
WXHOEM_IT per la versione italiana di Windows XP Home in versione OEM

PASSO 10: Avviare la masterizzazione. Potrebbero comparire messaggi di allerta per percorsi maggiori di 255 caratteri o simili, confermate positivamente tali messaggi.
Ora non resta che riavviare il computer, e verificare che il CD parta all’avvio del sistema (potrebbe essere necessario attivare il boot da CD tramite il BIOS della scheda madre).
Una volta verificato il CD, cancellate la cartella contenente i file di Windows (quasi 600MB) e il file creato al PASSO 6.

Share
Categorie: how-to

1 Risposta

  1. Daniel Dice:

    Scusa le domande probabilmente banale:
    – il CD aggiornato col SP2 o SP3, viene già da sé, con il boot da CD, se il CD preso da aggiornare è di quelli originali che prevedano, appunto, il boot da CD?
    – volendo aggiornare un XP al SP3, e volendolo fare passando prima per l’aggiornamento al SP2, basterà semplicemente ripetere l’intera procedura?

    Grazie

    Daniel

    Postato su agosto 3rd, 2014 at 13:37

Lascia un commento





Somma di due + dieci ?