Google e Facebook attivano la funzionalità dell’URL Shortening

Il colosso Google è il social network più utilizzato al mondo Facebook, hanno deciso di abbreviare i propri URL, in modo da rendere più facile l’accesso. Già da parecchio tempo esistono in rete siti specializzati che permettono di trasformare un URL lungo in un URL piccolo e facile da ricordare. Google e Facebook hanno studiato una soluzione ottimizzata per le loro esigenze, cosi è nato Goo.gl e Fb.me. Il primo relativo a Google sarà diffuso tramite la Google ToolBar nonché tramite Feedburner, portando così la propria proposta ad una prima community di utenti; mentre il secondo relativo a Facebook sarà utilizzato per la versione mobile.

In gioco non c’è solo il funzionamento che permette di ottenere URL più semplici e facili da ricordare, infatti sotto l’abbreviazione degli URL c’è una scelta che focalizza il proprio interesse sulla velocità dell’infrastruttura e della sicurezza. Un URL abbreviato permette di avere un maggiore controllo capillare della rete, e potrebbe anche agevolare l’individuazione di malware e roba simile.

Quale sia lo specifico interesse non è ancora dato a sapersi: trattasi probabilmente di un modo per tenere sotto controllo il materiale ospitato, fagocitandone i redirect senza lasciar spazio e potere a servizi terzi che potrebbero nel frattempo imporsi (soprattutto senza aprire il fianco alla controparte) e marchiando a fuoco tutti i contenuti veicolati sul Web tramite i servizi delle due compagnie. La prima risposta alle due novità giunge dal terzo incomodo: servizi come Bit.ly, attivi da tempo sugli short url, sono destinati a pagar dazio ai due colossi entranti ed è così che il gruppo ha immediatamente creato un profilo “pro” con il quale offrire assistenza avanzata a quanti fanno uso massivo e personalizzato delle url brevi.

Share
Categorie: miscellanea

Lascia un commento





Somma di due + otto ?