Pirate, la versione open source di Mulve

Era solo ieri che vi parlavo di Mulve, il nuovo velocissimo sistema per scaricare musica, ed oggi è già arrivata la notizia che la RIAA vorrebbe chiuderlo.

Sembra infatti non essere passata inosservata la popolarità di Mulve che, grazie anche all’attenzione dei media, nell’ultimo periodo ha visto un forte incremento di visitatori e quindi di utenti del “rivoluzionario” client. La cosa non è sfuggita nemmeno alla RIAA, Recording Industry Association of America, che ha “sguinzagliato” i propri avvocati e appellandosi al DMCA parrebbe abbia chiesto di mettere il sito offline.

E così come tanto velocemente nascono le cose su Internet, altrettanto velocemente muoiono ma in nostro soccorso è già disponibile la versione open-source di Mulve. Si tratta di Pirate, il cui nome è già tutto un programma, ed è disponibile al sito www.thepirateapp.com. Vediamo quanto durerà questo clone…

Share
Categorie: miscellanea

2 Risposte

  1. CyberAngel Dice:

    AGGIORNAMENTO: Andando sul sito http://www.thepirateapp.com sembrerebbe che anche questo progetto sia stato abbandonato (almeno così si legge nei commenti del codice html). Vi consiglio quindi di scaricare il programma da http://thepirateapp.org

    Postato su ottobre 15th, 2010 at 00:15

  2. CyberAngel Dice:

    Dopo qualche problemi di funzionamento, Pirate è tornato a funzionare. Forse non andrà alle velocità spaziale dell’inizio ma è già tanto che funzioni ancora.
    RIAA sucks! :D

    Postato su dicembre 8th, 2010 at 17:56

Lascia un commento





Somma di due + sette ?