Btjunkie di nuovo accessibile in Italia grazie a un proxy Google

Qualche settimana fa il sito proxyitalia che fungeva da proxy per accedere a Btjunkie è stato oscurato su ordine della Procura di Cagliari. Probabilmente ignari di quello che significa Internet e delle sue potenzialità il sito è tornato più forte che mai e questa volta è di nuovo accessibile grazie a Google, o meglio al suo Google App Engine che ha consentito l’attivazione di un proxy server per aggirare ogni inibizione online.

Molti articoli che ho letto in rete in questi giorni non riportano il nuovo link. Non ho ben capito perché ma comunque dopo una semplice ricerca eccolo qui: proxyitalia.appspot.com/btjunkie.org

E quindi ci risiamo, possiamo di nuovo tornare a scaricare liberamente i nostri torrent e adesso vediamo se la Guardia di Finanza bloccherà anche i redirect verso il colosso di Mountain View. ;)

Share
Categorie: life hack, miscellanea

2 Risposte

  1. fiordicactus Dice:

    Altro che affettar cipolle, questo è molto più complicato . . . ;-)

    Ciao, R

    Postato su agosto 10th, 2011 at 12:36

  2. CyberAngel Dice:

    Ciao fiordicactus.
    Forse più complicato per chi l’ha fatto ma per noi utenti di una semplicità disarmante!

    Grazie per essere passata e per il commento. ;)

    Postato su agosto 10th, 2011 at 13:13

Lascia un commento





Somma di due + tre ?