L’iPhone spia e registra i nostri spostamenti

Notizia di pochi giorni fa: parrebbe che i nostri iPhone ci spiino a nostra insaputa e tengano traccia dei nostri spostamenti memorizzando in un file le coordinate geografiche dei posti in cui siamo stati. Questa è la clamorosa scoperta annunciata questa settimana alla conferenza ‘Where 2.0′ di Santa Clara, in California, con tutti i dettagli su come verificare il fenomeno.

A partire dall’introduzione di iOS 4.0, gli iPhone registrano le coordinate geografiche e gli orari nel file consolidated.db utilizzando la triangolazione su rete GSM e non tramite il GPS integrato. Si può accedere al file in questione direttamente dal file-system del cellulare, qualora si sia effettuato il jailbreak, oppure dalla copia di backup del proprio iPhone presente sul computer sul quale si è effettua la sincronizzazione con iTunes.

Al momento, in mancanza di una risposta da parte di Apple, la finalità delle registrazioni è ignota. Pare comunque che il file non venga trasmesso a server remoti. Con il programma iPhone Tracker, per  computer con sistema operativo Mac OS X, è possibile leggere il suddetto file e rendersi conto di come funzionino le registrazioni. L’autore dell’applicazione sul proprio sito fornisce dettagliate informazioni sul suo utilizzo e su come accedere al file incriminato.

Share
Categorie: apple

1 Risposta

  1. CyberAngel's Blog » iPhone Tracker, ecco come evitare di essere spiati Dice:

    […] la scoperta dell’iPhone Tracker ha spaventato non poche persone, ecco che subito qualcuno a pensato bene di porvi […]

    Postato su aprile 24th, 2011 at 22:43

Lascia un commento





Somma di cinque + otto ?